Password dimenticata?
Home Benessere Cioccolato e malattie cardiometaboliche
Share to Facebook Share to Twitter Share to MySpace Stumble It Share to Reddit Share to Delicious Share to Google Buzz 
Cioccolato e malattie cardiometaboliche Stampa E-mail
di Cristina Gandola   
Giovedì 22 Dicembre 2011 15:49

Cioccolato fondente - Foto di Cristina GandolaIl cioccolato potrebbe rivelarsi un importante alleato nella prevenzione e controllo delle malattie cardiometaboliche. Gli alimenti a base di cacao, grazie al contenuto di flavonoidi,  possono infatti avere un effetto benefico sull'organismo e contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e diabete.

Un team di ricercatori dell'Università di Cambridge in Inghilterra, ha condotto una metanalisi basandosi su 7 studi (che hanno coinvolto oltre 114 mila persone) il cui scopo era valutare l'associazione tra consumo di cioccolato e rischio cardiometabolico.

Dai risultati delle analisi è emerso che 5 dei 7 studi hanno dimostrato un'associazione positiva tra consumo di cioccolato e rischio cardiometabolico, in particolare su 14.875 soggetti che mangiavano molto cioccolato è stata osservata una riduzione del 37% delle malattie cardiovascolari e del 29% di ictus. Solo uno studio ha valutato l'associazione tra consumo di cioccolato e diabete ed ha rivelato un effetto benefico dell'alimento con una riduzione del rischio pari al 31% in uomini e donne giapponesi.

Tutti i dati tengono conto di fattori quali età, sesso, indice di massa corporea, attività fisica, fumo, alimentazione (compreso il consumo di caffeina) e livello di educazione.

La sindrome metabolica comprende un insieme di fattori che risultano associati ad un aumento del rischio di sviluppare diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari. Secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità 23,6 milioni di persone moriranno a causa di disturbi cardiovascolari entro il 2030 e ad oggi circa un quinto della popolazione adulta al mondo è interessato da sindrome metabolica.
L'aumento dei disturbi cardiometabolici pone importanti problemi medici e sociali ed evidenzia la necessità di adottare efficaci sistemi di prevenzione: una migliore comprensione dei fattori associati alla fisiopatogenesi e l'impegno per allontanare i fattori di rischio sono un valido strumento per contrastare il diffondersi di queste patologie.

L'alimentazione gioca un ruolo molto importante nella genesi, prevenzione e controllo delle malattie cardiometaboliche. Tra i diversi alimenti che compongono la dieta, i prodotti a base di cacao hanno un potenziale effetto protettivo e potrebbero quindi rappresentare un aiuto nella prevenzione delle patologie cardiometaboliche.

L'azione positiva svolta dal cioccolato sulla salute umana è dovuta ai flavonoidi presenti nel cacao, essi hanno spiccate proprietà antiossidanti, anti-ipertensive, antinfiammatorie, anti-aterogene, anti-trombotiche e promuovono la liberazione di ossido nitrico, sostanza che facilita l'assorbimento del glucosio e contrasta gli effetti negativi del colesterolo.
I flavonoidi del cacao migliorano la biodisponibilità dell'ossido nitrico e questo può a sua volta innescare una cascata di eventi che comprende ad esempio il miglioramento della funzione endoteliare.
Il consumo di alimenti a base di cacao può svolgere effetti benefici a livello di reattività piastrinica, sensibilità all'insulina e lipidi nel sangue, può inoltre contribuire a ridurre la pressione sanguigna.

Il cacao e i prodotti alimentari contenenti cacao, come il cioccolato, rappresentano importanti fonti di flavonoidi e in particolare di flavanoli, epicatechine e procianidine.

Accanto agli effetti benefici che il cioccolato sembra possedere, bisogna ricordare che numerosi prodotti alimentari contenenti cacao sono molto calorici e quindi possono concretamente contribuire all'aumento del peso corporeo che rappresenta un fattore di rischio per l'ipertensione, la dislipidemia, il diabete e i disturbi cardiometabolici in generale. Pertanto sarebbe opportuno privilegiare gli alimenti a base di cacao con un ridotto contenuto di zuccheri e di grassi, ad esempio è meglio scegliere un pezzetto di cioccolato fondente con un alto contenuto di cacao rispetto ad una merendina, in questo modo è possibile sfruttare a pieno gli effetti benefici del cioccolato.

Esistono numerosi studi sugli effetti del cioccolato e dei prodotti alimentari contenenti cacao nella riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Tuttavia si tratta di studi piccoli e limitati, molto eterogenei tra loro e tali da consentire solo di valutare l'associazione tra consumo di alimenti a base di cacao e malattie cardiometaboliche, manca la causalità.
Serviranno pertanto ulteriori studi più ampi e approfonditi, soprattutto di carattere sperimentale, prima di poter raccomandare il consumo di cioccolato come alimento protettivo nei confronti di patologie diffuse come le malattie cardiovascolari.

Fonte: Chocolate consumption and cardiometabolic disorders: systematic review and meta-analysis, BMJ 2011

 

L'esperto risponde

Il Farmacista Risponde
Vai alle risposte

Newsletter

GRATIS sulla tua casella di posta la newsletter di ScienzeNews.IT


Segnalaci un evento scientifico
info@scienzenews.it

ULTIME NOTIZIE
Leggi gli ultimi articoli pubblicati

APPUNTAMENTI
Eventi selezionati da ScienzeNews.IT

ARCHIVIO APPUNTAMENTI

CD e DVD Personalizzati

Tag Clouds