Carcadè contro l’ipertensione

Sfigmomanometro - Foto di Karen Barefoot
 I fiori di Hibiscus sabdariffa L., usati per la preparazione di numerose tisane e della nota bevanda carcadè, hanno proprietà antiossidanti e sono utili nel controllo della pressione sanguigna, infatti, sono stati dimostrati benefici effetti ipotensivanti e ipocolesterolemizzanti.

E’ il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Circulation.
I test in vitro hanno dimostrato le proprietà antiossidanti di Hibiscus sabdariffa L. e gli estratti dei fiori, testati su modelli animali, hanno provato le caratteristiche ipotensivanti e ipocolesterolemizzanti.
La ricerca ha coinvolto 65 volontari (uomini e donne) di età compresa fra i 30 e i 70 anni affetti da ipertensione moderata o lieve.


I volontari che avevano assunto 3 tazze al giorno di infuso di ibisco per 6 settimane hanno ottenuto una riduzione della pressione sistolica del 7,2% rispetto al gruppo di controllo.
In particolare, nei soggetti con pressione sistolica superiore a 129 mm Hg, l’infuso ha prodotto una riduzione dei valori del 13,2 %.
L’efficacia antipertensiva provata in questo studio rafforza quanto dimostrato in alcuni studi precedenti, infatti, in un altro studio recente, dove sono stati coinvolti volontari affetti da diabete e ipertensione, è stata osservata una riduzione dei valori di pressione sanguigna con l’assunzione di 1 tazza di infuso 2 volte al giorno per un mese, inoltre, non si sono mai verificati effetti collaterali dovuti all’assunzione del carcadè.

Hibiscus sabdariffa L. si dimostra quindi una pianta molto utile per l’uomo e l’infuso delle sue parti fiorali potrebbe essere un’efficace aiuto in pazienti a rischio di sviluppare ipertensione. Le proprietà benefiche di questa pianta meritano senza dubbio ulteriori indagini, basti pensare che la diminuzione della pressione sistolica di soli 3 mm di Hg contribuisce alla riduzione del rischio di mortalità, soprattutto nei casi di ictus e patologie coronariche.

Bibliografia

McKay DL, Saltzman E, Chen CY Blumberg Jeffrey B, Circulation. 2008;118:S_1123
Mozaffari-Khosravi H. et al. J of Hypertension 2008