Caffé e depressione

L’abitudine di bere caffé potrebbe contribuire a ridurre il rischio di sviluppare depressione soprattutto nelle donne.

Uno studio condotto dalla Harvard School of Public Health ha messo in luce che le donne che bevono quattro o più caffè al giorno si ammalano di depressione il 20% meno rispetto a coloro che ne bevono poco o per niente.

Lo studio ha coinvolto più di 50 mila donne americane le cui abitudini nel consumo di caffeina sono state monitorate durante 10 anni.

Le bevande come caffé decaffeinato, té, cioccolata e altri prodotti che contengono meno caffeina non sembrano proteggere dalla depressione.
Quindi l’azione benefica sulla riduzione del rischio di depressione pare sia da attribuire alla caffeina presente nel caffé.

Saranno comunque necessari ulteriori studi per chiarire se e come la caffeina contribuisca alla prevenzione della depressione prima di poter consigliare di bere più caffé. Bisogna infatti tenere presente che un consumo eccessivo di caffeina può determinare la comparsa di effetti collaterali come disturbi gastrointestinali, insonnia, agitazione, mal di testa, palpitazioni.

Un precedente studio prospettico suggerisce una correlazione tra riduzione del rischio di depressione e consumo di caffé anche negli uomini.

Fonte: Coffee, Caffeine, and Risk of Depression Among Women. Archives of Internal Medicine 2011