Associazione tra ipertensione, durata del sonno, sesso ed età

Esiste un’associazione complessa tra la durata del sonno e il rischio di ipertensione. E’ quanto emerge dai risultati ottenuti analizzando i dati di 71.455 partecipanti ai National Health Interview Surveys condotti negli USA tra il 2007 e il 2009.

In base alla durata del sonno: <6, 6, 7, 8, 9 e ≥10 ore/giorno si ha una prevalenza di ipertensione del 32,4%, 25,5%, 22,2%, 23,2%, 25,5% e 32,5% rispettivamente. Quindi si osserva un’associazione a “U” tra sonno e ipertensione ciò significa che il rischio di ipertensione aumenta nelle persone che dormono troppo poco (6 ore o meno) o che dormono troppo a lungo (10 ore o più), rispetto al gruppo di riferimento con 8 ore di sonno.

L’analisi dei dati in base al sesso e all’età mostra che il rischio di ipertensione aumenta negli adulti di età inferiore ai 45 anni con meno di 6 ore di sonno per gli uomini e meno di 8 ore di sonno per le donne oppure con più di 10 ore di sonno per gli uomini. Dormire meno di 6 ore risulta associato ad un aumento del rischio di ipertensione per le donne over 65 e per gli uomini tra i 45 e i 64 anni e dormire più di 10 ore aumenta il rischio per le donne di età compresa tra i 45 e i 64 anni.

I risultati dello studio rivelano pertanto un’associazione a “U” tra durata del sonno e rischio di ipertensione, inoltre questa associazione appare influenzata dal sesso e dall’età.

I dati mettono anche in evidenza che la durata ottimale del sonno per gli adulti è compresa tra le 7 e le 9 ore/giorno.

Fonte: Jing Fang, Anne G. Wheaton, Nora L. Keenan, Kurt J. Greenlund, Geraldine S. Perry and Janet B. Croft “Association of Sleep Duration and Hypertension Among US Adults Varies by Age and Sex” American Journal of Hypertension