Chemioterapia più efficace per il carcinoma epatocellulare

Foto di Flavio TakemotoIl fattore di trascrizione LSF si preannuncia come un promettente target per mettere a punto trattamenti chemioterapici più efficaci per il carcinoma epatocellulare, la terza più diffusa causa di morte per cancro al Mondo.

LSF è una proteina altamente espressa nei casi di carcinoma epatocellulare (o epatocarcinoma) e gioca un ruolo cruciale nel promuove l’oncogenesi. E’ presente in modo significativo nei campioni biologici ottenuti dai malati e nelle linee cellulari impiegate per indagare il carcinoma epatocellulare (HCC).

Proprio studiando le caratteristiche di LSF i ricercatori sono riusciti a identificare piccole molecole capaci di inibire l’attività cellulare di questo fattore di trascrizione: il principale composto attivo è FQI1 – factor quinolinone inhibitor 1 – che inibisce il legame di LSF al DNA e mostra anche un’attività antiproliferativa sulle linee cellulari.

[AdSense-A]

Nelle cellule che sovraesprimono LSF, comprese le cellule colpite da carcinoma epatocellulare, la presenza di FQI1 ne induce rapidamente la morte. Tuttavia gli epatociti primari e quelli immortalati non vengono influenzati dal trattamento.

I ricercatori hanno valutato 23 chinolinoni in base alla relazione tra struttura e attività inibitoria oltre a misurare le concentrazioni richieste per ottenere l’attività antiproliferativa e per inibire la transattivazione di LSF. I dati raccolti nel corso dello studio mettono in luce che LSF è il target specifico per i FQI – factor quinolinone inhibitors.
Basandosi sui risultati in vitro gli studiosi hanno proseguito le indagini su modello murino ed hanno testato l’efficacia di FQI1 che è risultato capace di inibire in modo consistente la crescita tumorale senza mostrare citotossicità sugli altri tessuti.

Questi risultati incoraggiano ad approfondire gli studi sugli inibitori di LSF per mettere a punto trattamenti chemioterapici più efficaci rivolti ai malati di carcinoma epatocellulare.

Fonte: Trevor J. Granta, Joshua A. Bishopb, Lisa M. Christadoreb, Girish Barota, Hang Gyeong Chinc,d, Sarah Woodsona, John Kavourisb, Ayesha Siddiqe, Rachel Gredlere, Xue-Ning Shene, Jennifer Shermana,f, Tracy Meehana, Kevin Fitzgeraldf, Sriharsa Pradhand, Laura A. Briggsg, William H. Andrewsg, Devanand Sarkare, Scott E. Schausb, and Ulla Hansen “Antiproliferative small-molecule inhibitors of transcription factor LSF reveal oncogene addiction to LSF in hepatocellular carcinoma”, PNAS 2012