Evoluzione dello sperma

Foto di Flavio TakemotoLe caratteristiche degli organi riproduttivi femminili rappresentano un importante fattore capace di influenzare l’evoluzione della morfologia dello sperma.

I ricercatori hanno indagato la selezione sessuale postcopulatoria mettendo in luce che le caratteristiche strutturali dell’apparato riproduttivo femminile possono guidare la paternità a favore dello sperma avente determinate caratteristiche morfologiche.
Questo è un meccanismo di scelta femminile del partner quando l’eiaculato proviene da più maschi. Infatti, quando la femmina si accoppia con più maschi nel medesimo periodo riproduttivo, la forma degli organi femminili influisce sul successo o insuccesso maschile nella competizione per fertilizzare l’ovulo. Ecco come la selezione di un tratto sessuale passa anche dalla coevoluzione tra gusti femminili e caratteristiche maschili.

I risultati dello studio, condotto su coleotteri acquatici, mettono in luce l’evoluzione correlata tra apparato riproduttivo femminile e morfologia degli spermatozoi. Le variazioni hanno portato ad un’ampia divesificazione e rimodellamento della dimensione e della forma di numerosi organi e strutture strettamente associate con i cambiamenti nella dimensione dello sperma, forma della testa, lunghezza del flagello, perdita o guadagno della coniugazione degli spermatozoi.

Esiste un’ampia variabilità morfologica dello sperma tra specie diverse e numerose ricerche hanno indagato i processi evolutivi che coinvolgono le caratteristiche degli spermatozoi e la selezione sessuale.

Per quanto riguarda gli spermatozoi studiati in questa ricerca la capacità di mantenere la posizione negli organi femminili o di eliminare lo sperma dei maschi rivali rappresentano un vantaggio nella competizione per la fecondazione.

Fonte: Dawn M. Higginsona, Kelly B. Millerb, Kari A. Segravesa, and Scott Pitnick “Female reproductive tract form drives the evolution of complex sperm morphology” PNAS 2012