NienteMale Roma: contro il dolore, paracetamolo e ibuprofene i principi attivi più usati dai cittadini romani

Contro il dolore, il paracetamolo risulta essere il farmaco più usato, seguito da ibuprofene, diclofenac e nimesulide: sono alcuni dei risultati emersi dalla survey sottoposta nel periodo 31 marzo – 6 aprile 2014 a circa 1.000 persone che hanno avuto accesso a farmaci antalgici in 100 farmacie di Roma.

La ricerca rientra nell’ambito del progetto NienteMale Roma, promosso dall’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Roma, dalla Fondazione Gigi Ghirotti e da Federfarma Roma con il patrocinio del Ministero della Salute, che ha coinvolto i farmacisti in una raccolta dati sulla gestione del dolore.

Il farmacista, infatti, è il primo alleato del paziente con dolore: lo supporta nella gestione in appropriatezza terapeutica in caso di dolore lieve-moderato, lo indirizza allo specialista ove necessario, lo sensibilizza alla possibilità di cura attraverso un percorso terapeutico validato.

I risultati della survey sono stati presentati il 2 luglio a Roma, in occasione di “NienteMale Roma”, evento di formazione ECM realizzato con il contributo incondizionato di Angelini, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo del farmacista e offrire strumenti e approcci metodologici per migliorare la gestione della terapia antalgica. I dati sono stati presentati da Antonino Annetta, Specialista in Farmacologia Applicata presso l’Università La Sapienza di Roma e Vice Presidente Federfarma Roma.

“Il 74% degli intervistati ha più di 50 anni e nel 59% dei casi soffre di dolore di tipo saltuario, contro un 41% che invece è affetto da un dolore cronico. – ha illustrato Annetta – Tra i farmaci utilizzati, figura al primo posto il paracetamolo, indicato dal 27% delle persone, seguito da ibuprofene (24%), diclofenac (13%) e nimesulide (10%). Il 40% degli intervistati dichiara di curarsi facendo ricorso a farmaci da automedicazione (SOP e OTC), il 20% ricorre al consiglio del farmacista, gli altri si rivolgono al medico di medicina generale (20%) e allo specialista (20%). Il 63% degli intervistati, infine, afferma di misurare il proprio dolore” conclude Antonino Annetta.

La Legge n.38 del 2010 ha rappresentato un passo decisivo nella definizione e sviluppo della rete assistenziale sia per le cure palliative sia per la terapia del dolore e offre la possibilità di un nuovo approccio culturale al tema della lotta al dolore. In quest’ottica l’evento NienteMale Roma ha offerto strumenti ed approcci metodologici che consentano di migliorare l’efficacia e l’appropriatezza della gestione del dolore come previsto dalla legislazione vigente.

“La Legge n.38 del 2010 tutela il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore anche attraverso l’individuazione di figure professionali con specifiche competenze ed esperienza” dichiara Marco Spizzichino, Direttore Ufficio XI° Ministero della Salute e membro della Commissione nazionale cure palliative e terapie del dolore. “In questo contesto il farmacista ha un ruolo strategico perché partecipa nella gestione sull’uso terapeutico dei farmaci, collabora ad informare i pazienti e i familiari sulla terapia prescritta dal medico e partecipa alle campagne di informazione ed educazione sull’uso corretto dei farmaci” conclude Spizzichino.

La Campagna NienteMale

NienteMale Roma rientra tra le attività previste dalla Campagna di sensibilizzazione sul dolore NienteMale.

Angelini è attivamente impegnata nell’ambito del dolore e il suo impegno in comunicazione si concretizza attraverso www.nientemale.it, il portale web multitarget che ha l’obiettivo di favorire una maggiore conoscenza del dolore e della sua gestione ottimale presso medici, farmacisti e pubblico.

All’interno degli obiettivi e delle azioni già previste dal portale, si inserisce lo sviluppo di nuovi progetti rivolti ai medici, ai pazienti ed, in particolare, ai bambini dove la cura del dolore assume un ruolo ancora più centrale, in quanto può minare in maniera importante l’integrità fisica e psichica dei più piccoli.