Camminata veloce: efficace contro obesità e rischio di diabete

Runners - foto di anonimoUna camminata veloce di 40 minuti al giorno è efficace per perdere peso, allontanare il rischio di diabete di tipo 2 e per mantenere in salute il sistema cardiovascolare in uomini e donne di mezza età.

L’esercizio fisico è utile per mantenersi in salute, qualsiasi attività sportiva è meglio della sedentarietà ma è ancora meglio se l’allenamento viene fatto ad alta intensità. E’ quindi preferibile una camminata veloce piuttosto che una lenta e lunga passeggiata per ridurre l’obesità e allontanare il rischio di diabete di tipo 2.

E’ quanto emerge da uno studio americano che ha coinvolto 300 adulti sedentari di mezza età e obesi con l’obbiettivo di valutare gli effetti dell’esercizio fisico – in termini di quantità e di intensità – sul grasso addominale e sulla tolleranza al glucosio.
Uomini e donne 40enni e 50enni sono stati suddivisi in modo casuale in quattro gruppi: un gruppo di controllo sedentario e tre gruppi a cui sono stati assegnati esercizi di diverso grado per intensità e quantità – mezz’ora di camminata lenta, circa un’ora di camminata lenta, mezz’ora o poco più di camminata veloce.

Dopo 6 mesi di sport al ritmo di 5 allenamenti a settimana, tutti i soggetti dei 3 gruppi che seguivano un programma di allenamento avevano ottenuto una riduzione del grasso addominale (riduzione minore con un più basso consumo di calorie nel gruppo di “mezz’ora di camminata lenta”) ma solo le persone arruolate nel gruppo della “camminata veloce” mostravano una riduzione dei livelli di glucosio.

Lo sport a bassa o ad alta intensità porta ad una benefica perdita di peso corporeo ma solo l’esercizio fisico ad alta intensità permette di ridurre i livelli di glucosio nel sangue e questo, nel lungo periodo, potrebbe contribuire a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

I ricercatori puntualizzano che lo sport ad alta intensità (camminata veloce) determina benefici sui livelli di glucosio nel sangue grazie al lavoro dei muscoli che consumano buone quantità di zuccheri durante l’esercizio fisico: l’attività motoria porta i muscoli a richiedere più zuccheri che in questo modo vengono sottratti dal circolo sanguigno.

Un programma di allenamento aerobico è più efficace di un semplice esercizio aerobico per ottenere un miglioramento dei livelli di glucosio in pazienti diabetici.

Lo studio mette in luce l’importanza e la relazione tra quantità e intensità di attività motoria. L’intensità ha un ruolo cruciale nella valutazione dei benefici per la salute. Infatti, oltre alla perdita di peso corporeo e alla riduzione dei livelli di glucosio, i soggetti che si sono allenati con maggiore sforzo fisico hanno avuto un miglioramento più grande dal punto di vista cardiovascolare e ciò rappresenta un importante aiuto per allontanare il rischio di patologie cardiache.

I risultati ottenuti dallo studio permettono di fare delle scelte mirate riguardo al tipo di allenamento in base ai benefici che si desiderano raggiungere: se l’obbiettivo è semplicemente perdere peso tutti gli esercizi fisici vanno bene, se l’obbiettivo è controllare il livello di zucchero nel sangue è più efficace un allenamento ad elevata intensità, se l’obbiettivo è migliorare l’allenamento cardiovascolare tutti gli esercizi vanno bene ma quelli che richiedono uno sforzo fisico maggiore risultano più efficaci.

E’ bene ricordare che il livello di intensità nell’allenamento sportivo è da calibrare in base alle condizioni fisiche e di salute di ciascun individuo, ecco perché è molto importante un’accurata visita medica prima di intraprendere qualsiasi attività di questo tipo.

Fonte

Effects of Exercise Amount and Intensity on Abdominal Obesity and Glucose Tolerance in Obese Adults: A Randomized Trial
Robert Ross; Robert Hudson; Paula J. Stotz; and Miu Lam
Ann Intern Med. 2015;162(5):325-334. doi:10.7326/M14-1189

Any Exercise Is Good, But Higher-Intensity May Be BetterMedlinePlus – National Institutes of Health